Treviso e le ville del Palladio - 22-24 settembre 2017

Treviso, è un comune italiano di 84.199 abitanti, capoluogo dell'omonima provincia in Veneto. Il comune è il quinto della regione per popolazione ma la sua area urbana conta circa 200.000 abitanti La città dista circa 30 km dal capoluogo regionale, Venezia.

La città sorge sulla bassa pianura veneta, in una zona ricca di risorse idriche: numerose sono le sorgenti risorgive, localmente dette fontanassi. Entro lo stesso territorio comunale nascono numerosi fiumi di risorgiva dei quali il più importante è il Botteniga. Quest'ultimo, dopo aver ricevuto le acque di Pegorile e Piavesella, oltrepassa le mura all'altezza del Ponte de Pria e si divide poi nei diversi rami, detti cagnani (Cagnan Grande, Buranelli, Roggia), che tanto caratterizzano il centro storico. Un altro, più modesto corso d'acqua risorgiva, nasce all'interno della cinta muraria, il Cantarane (0,447 km, in gran parte interrato). Corso d'acqua principale è comunque il Sile, il fiume di risorgiva più lungo d'Italia e d'Europa, che dopo aver lambito le mura meridionali, riceve le acque dei cagnani del Botteniga. Altri fiumi rilevanti, tutti affluenti del Sile, sono lo Storga, il Limbraga (da sinistra) e il Dosson (da destra).

Un breve cenno della storia

Treviso sorge come villaggio paleoveneto in epoca pre-romana su tre alture poste nei pressi di un'ansa del Sile, in un territorio ricchissimo di risorse idriche, l'antica Tarvisium divenne municipio all'indomani della sottomissione della Gallia Cisalpina da parte dei Romani. La vicinanza ad alcune importanti arterie, come la strada Postumia, e le stesse vie d'acqua, ne fecero sin dai tempi più antichi un vivace centro commerciale della Venetia et Histria.

La decadenza durante il  tardo periodo romano dal 284 al 476 si fece sentire anche a Treviso benché, all'indomani della caduta dell'Impero romano d'Occidente e durante il regno di Teodorico, la città fosse ancora un centro annonario di prim'ordine. Contesa nel corso del VI secolo tra Ostrogoti e Bizantini, secondo la tradizione la città diede i natali a Totila, glorioso capo militare germanico che vinse i Bizantini proprio alle porte di Treviso].

Conquistata dai Longobardi, fu eretta a sede di uno dei trentasei ducati del regno e venne dotata di un'importantissima zecca. Quest'ultima continuò a fiorire anche sotto i Carolingi (sotto i quali il locale vescovo ebbe il titolo di conte), e ancora sotto la Serenissima vi si coniava il bagattino].

Fu tuttavia  dall'Anno Mille che Treviso, datasi statuti comunali e vinto l'imperatore Federico Barbarossa accanto alle città delle leghe Veronese e Lombarda, conobbe un notevole sviluppo, ampliandosi nelle dimensioni ed arricchendosi di monumenti e palazzi, che le valsero il soprannome di urbs picta.

In modo analogo alle principali città del Nord Italia, anche Treviso assistette alla crisi del governo comunale ed il successivo passaggio alla signoria.

 La prima casata ad impossessarsi di Treviso furono gli Ezzelini, che signoreggiarono tra il 1237 ed il 1260 con le figure di Ezzelino III e Alberico. La città fu quindi preda di nuove lotte intestine tra i Guelfi filopapali ed i Ghibellini, sostenitori di un riavvicinamento all'Impero, tanto che solo nel 1283, a seguito della vittoria dei primi, si assistette ad una decisa ripresa economica e culturale durata fino al 1312.

Dominata poi dai Collalto e dai Da Camino, la Marca si trovò ancora coinvolta in guerre e saccheggi nel periodo 1329-1388. Occupata dapprima dagli Scaligeri (1329-1339), nel 1339 si diede spontaneamente alla Serenissima, andandone a costituire il primo possedimento in terraferma. Coinvolta quindi nelle guerre per il primato sulla penisola italiana, la città fu retta dal duca d'Austria tra il 1381 ed il 1384 per passare, nel 1384 e fino al 1388, ai da Carrara.

Solo da allora la città tornò definitivamente alla Repubblica di Venezia.

Finalmente sotto Venezia, Treviso poté godere di un lungo periodo di stabilità e relativo benessere, salvo la parentesi della Guerra della Lega di Cambrai, che vide la costruzione delle attuali fortificazioni (1509), e l'assedio imperiale e francese, tolto nel 1511.

Il 21 ottobre 1866, nelle Province Venete si tenne il plebiscito di annessione al Regno d'Italia: a Treviso prevalsero nettamente i "sì" (i "no" furono soltanto due, facendo fede ai registri dal momento che gli spogli non sono mai avvenuti ).

Nel corso dell'Ottocento, si installarono in città famiglie della borghesia imprenditoriale, di origine «foresta», che diedero il primo impulso alle industrie locali e al processo di inurbamento della popolazione contadina. Alla fine del secolo la povertà nelle campagne era dilagante: la pellagra era all'ordine del giorno e molti ne soffrivano fino ad ammalarsi di mente (la cosiddetta "follia pellagrosa" che causava allucinazioni e deliri); proprio per far fronte a queste difficoltà venne costruito a Treviso il nuovo ospedale psichiatrico provinciale, il Sant'Artemio. A causa di questa difficile situazione economica molti proletari cercarono fortuna altrove, in particolare in Brasile.

Durante la prima guerra mondiale, Treviso, «città di retrovia», subì diversi bombardamenti aerei da parte degli austriaci. A causa della ritirata di Caporetto, la provincia risultò tagliata in due e migliaia di profughi trevigiani furono evacuati e sparsi in tutta la penisola. A partire dal 1916, come sistema difensivo della città, venne costruito un campo trincerato. La ricostruzione e gli ambiziosi progetti urbanistici avviati in seguito, durante il ventennio, cambiarono in parte l'aspetto della città.

Nei primi anni dopo la marcia su Roma, il potere locale restò in mano a personale prefascista. I movimenti cattolici (leghe bianche e cooperative), in precedenza molto forti, furono sciolti. Nel 1938 Benito Mussolini visitò la città.

I primi anni della seconda guerra mondiale furono determinanti per lo sviluppo a Treviso, nodo ferroviario molto importante verso l'est, del settore terziario: proprio per questo, il 7 aprile 1944, la città fu pesantemente bombardata dall'aviazione statunitense (Bombardamento di Treviso). Il 29 aprile 1945 entrarono in Treviso le prime truppe alleate, accolte dai partigiani che, dopo l'8 settembre 1943, operarono in clandestinità anche nel trevigiano.

Dopo la caduta della Repubblica Sociale Italiana, la Chiesa tornava ad essere l'interlocutrice e la moderatrice della società trevigiana. Durante i primi anni di governo della Democrazia Cristiana furono ricostruiti i più importanti edifici storici distrutti dal bombardamento, venne inoltre migliorata la viabilità e costruiti numerosi alloggi per i senzatetto.

Monumenti e luoghi d'interesse

La città di Treviso, legata a una lunga tradizione religiosa e monastica che l'ha interessata per lunghi secoli, conserva molte architetture religiose: dentro le mura sorgono le chiese più antiche e i monasteri superstiti; nei quartieri più moderni, sviluppatisi nel Novecento, sorgono le relative chiese parrocchiali, esempi di architettura religiosa moderna e contemporanea.

https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/9/97/Chiesa_Convento_San_Francesco_Treviso.jpg/220px-Chiesa_Convento_San_Francesco_Treviso.jpg

La Chiesa di San Francesco

  • Chiesa di San Francesco, un gruppo di frati francescani, inviati da Francesco stesso, giunse a Treviso nel 1216 e prese sede nella zona oltre il Cagnan Grande, presso un oratorio dedicato alla Madonna. La comunità divenne presto numerosa tanto che nel 1231 cominciarono i lavori di costruzione di una nuova chiesa e del convento, ultimati nel 1270. Nel 1806, a seguito della soppressione napoleonica, gli edifici furono adibiti a scopi militari, finché nel 1928 non vennero restaurati e riaperti al culto. L'architettura è di transizione tra il romanico e il primo gotico. L'interno ha un'unica navata e cinque cappelle laterali. All'interno si possono vedere le tombe di un figlio di Dante Alighieri e della figlia di Francesco Petrarca.

https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/0/07/San-Nicol%C3%B2-Treviso-20050528-004.jpg/220px-San-Nicol%C3%B2-Treviso-20050528-004.jpg

Le absidi della Chiesa di San Nicolò

  • Chiesa di San Nicolò, costruita all'inizio del XIV secolo dai Domenicani grazie ai 70.000 fiorini lasciati dal papa trevigiano Benedetto XI, è la chiesa più grande della città, superando anche il Duomo. Nel complesso conventuale annesso, oggi sede del Seminario vescovile, è conservato un importante ciclo di affreschi di Tomaso da Modena. Degne di nota sono le raffigurazioni di Ugo di Saint-Cher e Nicolò di Rouen, ritenute le prime opere pittoriche a riportare rispettivamente degli occhiali e una lente d'ingrandimento.

https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/5/5c/Duomo_%28Treviso%29_-_Interior_-_Annunciation_chapel_or_Malchiostro.jpg/200px-Duomo_%28Treviso%29_-_Interior_-_Annunciation_chapel_or_Malchiostro.jpg

Cappella Malchiostro con la Pala del Tiziano, all'interno del Duomo

https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/0/0c/Facciata_del_duomo.jpg/220px-Facciata_del_duomo.jpg

Il Duomo di San Pietro Apostolo

https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/9/9c/4266TrevisoSMariaMaggiore.JPG/220px-4266TrevisoSMariaMaggiore.JPG

Facciata della Chiesa di Santa Maria Maggiore

 

Architetture civili

https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/6/62/Palazzo_dei_Trecento.jpg/220px-Palazzo_dei_Trecento.jpg

Piazza dei Signori e Palazzo dei Trecento, sede del consiglio comunale cittadino

  • Piazza dei Signori e Palazzo dei Trecento, la piazza costituisce il cuore della città e suo centro culturale, storico e sociale. A est della piazza si trova il Palazzo dei Trecento o della Ragione, costruzione nel XII secolo, già sede del Maggior Consiglio. Una cicatrice sulle pareti esterne del palazzo ricorda gli importanti danni subiti nel 1944, durante il bombardamento di Treviso. A nord sorgono invece il Palazzo del Podestà (fine XV secolo, facciata rimaneggiata a più riprese fino al XIX secolo) e la caratteristica Torre Civica, che con 48 metri di altezza è la più alta tra le torri della città. Poco distante dal palazzo, all'inizio di via Calmaggiore, era collocata un tempo la Fontana delle tette, poi rimossa ed attualmente conservata sotto la loggia del Palazzo dei Trecento.
  • Monte di Pietà e Cappella dei Rettori, l'antica sede del Monte di Pietà si trova nell'omonima piazza, dietro al Palazzo del Podestà. Già sede del trecentesco Monte dei Pegni, il palazzo fu ricostruito nel 1462, anno in cui i Francescani proposero l'istituzione del Monte di Pietà, che venne ufficialmente fondata nel 1496 grazie all'interessamento del vescovo Nicolò Franco. All'inizio del XVI secolo l'edificio fu ingrandito, andando ad inglobare l'odierna chiesa di Santa Lucia e, successivamente (1561), la chiesa di San Vito. Gli ultimi interventi si ebbero nel Settecento, sicché attualmente il palazzo e le due chiese si presentano come un unico complesso con tanto di porticato in comune. A partire dall'inizio del XIX secolo, l'istituzione incominciò ad essere malvista dalle autorità francesi prima e austriache poi. Per le pesanti imposte, il Monte di Pietà abbandonò il progetto di ulteriori ampliamenti e, anzi, ridusse notevolmente la sua attività, tant'è che, nel 1822, veniva convertito in cassa di risparmio (la futura Cassamarca). All'interno si trova la cappella dei Rettori, pregevole ambiente che conserva affreschi del Fiumicelli, tele del Pozzoserrato e cuoi di Cordova. Il tema delle decorazioni alludono al soccorso e all'indulgenza. Dal dicembre 2004 il Monte di Pietà è stato acquistato dalla Fondazione Cassamarca. Attualmente ospita uffici di UniCredit e alcuni esercizi pubblici.

https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/e/ef/La_Loggia_dei_Cavalieri.jpg/220px-La_Loggia_dei_Cavalieri.jpg

La Loggia dei Cavalieri

  • Loggia dei Cavalieri, simbolo del potere politico assunto da nobili e cavalieri nel periodo del Libero Comune, la Loggia dei Cavalieri è un esempio di romanico trevigiano con influssi dell'eleganza bizantina. Fu costruita sotto la podesteria di Giacomo da Perugia (1276) come luogo di convegni, conversazioni, giochi.

Architetture militari

Il centro storico è ancora parzialmente racchiuso dalla cinta muraria costruita nel 1509 in vista della guerra della Repubblica di Venezia contro la lega di Cambrai. Oltre alla costruzione di imponenti mura bastionate e la deviazione di parte del fiume Botteniga, il progetto del frate Giovanni Giocondo, cui il Consiglio dei Dieci aveva affidato le opere di fortificazione, comportò anche l'abbattimento di diversi edifici, tra i quali parte dell'antico santuario di Santa Maria Maggiore[26].

https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/9/99/Porta_Santi_Quaranta.jpg/220px-Porta_Santi_Quaranta.jpg

Porta Santi Quaranta

Canali

Talvolta chiamata "la piccola Venezia", Treviso è bagnata da diversi canali, tutti originati dalla divisione in rami (detti "cagnani") del Botteniga. Il fiume entra in città passando sotto il "Ponte de Pria" (Ponte di Pietra) in corrispondenza del quale vi sono delle chiuse, ideate e fatte costruire da Fra' Giocondo. Altri due rami del Botteniga costeggiano le mura cittadine per immettersi poi, come i "cagnani", nel fiume Sile che lambisce il lato sud del centro storico.

Il Cagnan Medio o canale dei Buranelli, è una delle più pittoresche diramazioni del Botteniga che caratterizzano il centro storico. Il toponimo si riferisce ad uno dei ponti che attraversa il corso d'acqua, detto appunto ponte dei Buranelli, nei pressi del quale si trova tuttora un edificio cinquecentesco un tempo dimora e magazzino di commercianti provenienti dall'isola lagunare veneziana di Burano.

  • https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/d/df/Treviso-canale03.jpg/120px-Treviso-canale03.jpg

Fine settimana del 22 al 24 settembre

Il nostro programma prevede:

Arrivo il venerdì 22 settembre  in serata presso l’Hotel al giardino (Treviso)- http://www.hotelalgiardino.it/

Sabato 23 settembre 

ore  10 : visita guidata a Treviso con ritrovo che verra comunicato qualche giorno prima . La visita durerà circa 2 ore 30 e avverrà con guida turistica.

Pranzo in città. ( non incluso)

 1700  è prevista la visita del castello di Roncade http://www.castellodironcade.com/, dove si visiteranno le cantine e si degusteranno dei vini di loro produzione

 

Domenica 24 settembre – Visita di una villa del Palladio   in mattinata e rientro verso Milano.

 

Quota

Pernottamento in sistemazione B&B per 2 notti, visita guidata ed ingresso sia alle cantine che alla villa del Palladio e trasferimento il sabato mattina dall'albergo a Treviso  e poi nel pomeriggio al castello di Roncade e rientro: 150€  a persona in sistemazione doppia

Sono esclusi pranzi e cene e tutto quanto non esplicitamente espresso nelle voce precedente.

Hotel Al Giardino a Treviso nel Parco del Sile

Saremo ospiti questi due giorni presso l’Hotel al Giardino (3 *) che si trova fuori le mura di Treviso.( http://www.hotelalgiardino.it/).

Alle porte del centro storico di Treviso, in un contesto ambientale e paesaggistico estremamente tranquillo ed ospitale, all'interno del parco naturale Sile, si trova l'Hotel Al Giardino, punto d'appoggio per raggiungere anche Venezia in breve tempo.

Recentemente rinnovato e forte di un'esperienza trentennale di conduzione diretta da parte dei proprietari, Vi assicura sempre un'accoglienza familiare ed un attento trattamento che Vi faranno sentire a Vostro agio in ogni momento.

Un posto ideale per vivere con la natura, per gli amanti del running, delle passeggiate e delle corse in bici, inaugurato da poco l'accesso diretto con una passerella sul fiume sile, al percorso della Restera nel Parco Naturale del Fiume Sile, che vi porterà direttamente alla città di Treviso, in un percorso in mezzo alla natura. 

Modalità di iscrizioneTramite bonifico bancario a:C/c intestato a:Sci.G. Milano - Gruppo Sci Via Bezzecca, 3 I-20135 MilanoBancaBanca ProssimaIBANIT31A0335901600100000120858SWIFTBCITITMX